Sarebbe bello, ma soprattutto farebbe figo, dire che mi piace tutta la musica.

In realta' in fatto di musica sono si di vedute "abbastanza" ampie pero' ...

Pero', ad esempio non riesco ad ascoltare il Rock (ed in particolare l'Heavy Metal), mi piace poco il Punk (e tutti i sui derivati), il Jazz, come la classica, mi piace ascoltarla per qualche minuto poi: che palle!

Quindi .. quindi faccio probabilmente piu' in fretta ad elencare la musica che ascolto!

In pratica, musicalmente parlando, mi sono fermato parecchi anni fa; diciamo intorno alla prima meta' degli anni ottanta.

Fondamentalmente, mi piace (anzi adoro) un genere di musica che non e' particolarmente semplice da definire.

Si tratta della musica che si ascoltava, nella maggior parte (ma non in tutte) le discoteche negli anni che vanno dal 1977 al 1983 (piu' o meno).

Volendo semplificare il genere si puo' identificare con la musica "Afro-Funky", come viene definita sul sito www.discotecheafrofunky.it

Vorrei evitare di scendere in ulteriori dettagli su questa (fantastica) musica, per cui incoraggio i curiosi alla visita del sito che e' veramente interessante.

Manca in realta', nell'elenco dei locali, la discoteca del mio paesello (Caluso) che si chiamava ACCHITO.

Ora questa discoteca, come molte altre non esiste piu'. Ma, sino almeno al 1986 e' stato un locale che ha attirato parecchie persone per ascoltare e ballare la musica.

I piu' importanti DJ del periodo (ovviamente relativamente alla musica proposta) si sono alternati alla sua console, in particolare nei mesi invernali.

Il perche' di questa scelta e' alquanto ovvi: d'estate tornavano nei locali sulla costa romagnola!

Per quanto riguarda la musica Italiana, anche in questo caso sono fermo verso gli anni 70-80, ma prediligo essenzialmente i cantautori.

Mi piaciono Battisiti, Bennato, I Nomadi e Guccini, De Andre', Dalla, DeGregori, Vasco e cosi' via.

D'altronde vi sono anche dei personaggi che non possono essere assolutamente trascurati, come Rino Gaetano oppure gli Skiantos. 

E' anche vero che altri musicisti, come ad esempio Toni Esposito (e perche' no anche Tullio DePiscopo) a mio avviso hanno prodotto musiche che non possono essere ignorate.

Cosi' come non e' possibile ignorare le produzioni dei Kraftwerk (penso che siano stati gli unici a fare iniziare un concerto da manichini ... senza che nessuno se ne accorgesse!) oppure degli Art of Noise.

 

Ho colpevolmente omesso di specificare che per un certo lasso di tempo, primi anni '90, sono stato un amante della musica SKA. Non mi sono perso un concerto dei Persiana Jones (al tempo erano ancora con le "tapparelle maledette") dai tempi del "celo, celo, manca, manca voglio quella di Palanca". Parlando col mio amico Bob (che frequenta la mia stessa palestra) mi pare perņ di aver capito che loro preferiscono dimenticare quei tempi...

Ad ogni modo ho poi apprezzato, e molto, anche i Casino Royale ma solo ed esclusivamente del periodo SKA ed alcune produzioni degli Statuto (Bob ti prego non ti inc...re, non ho mai avuto il coraggio di dirtelo) senza, ovviamente dimenticare i Madness (sono quelli di "One step behiond" chi non li conosce?).